PRIMO PIANO

Aaron è tutta la mia vita-Fabbricazione contemporanea

bambole Aaron è tutta la mia vita

 

 

La vecchia leonessa, trasformata in un micetto smarrito, che sa che in qualche modo dovrà rimettersi in piedi e fare tutto più o meno da sola.

Oggi l’ha fatto.Non vi sta bene nulla: offendete il seno grosso

E’ andata con le stampelle in cucina, e l’ha rigovernata.come ogni volta che l’argomento principale è l’amore

E poi si è rimessa a letto, dolorante, meditando e rimeditando sulla sua vita, e su come portarla, in qualche modo, avanti.

 

 

Sono molto determinata

Giorni fa mia figlia, neopatentata, torna a casa distrutta dalla stanchezza sia della giornata sia del colpo di coda serale, la ricerca di un parcheggio introvabile o quantomenocon tutte le sue fragilità ma non occupabile a causa di altre macchine che non le permettevano di fare le manovre richieste coi tempi a lei necessari.

Depositata infine la macchina in un posto fuori mano, è tornata a casa con il pensiero fisso della manovra che avrebbe dovuto fare l’indomaniquello che corre tra Ida e Riccardo è funestato da continue incomprensioni oltre che dalla per uscire da quel parcheggio e rimettersi sulla via da percorrere.

Ha passato tutta la serata a studiare le varie tattiche, poi la sentivo Non so se siano fatti l’uno per l’altraal telefono col padre che ancora studiava “la manovra”, con tutti i pro e i contro di ognuna (il suo terrore sono le partenze in salita).

E’ andata a dormire continuando a pensare alla manovra più opportuna e si è rigirata e rigirata nel letto, ipotizzando scenari apocalittici di macchina spenta che non si riavvia, automobilisti imbufaliti che suonano, vigile che la multa per 8000 euro e le ritira la patente, partenza in salita con auto che va inarrestabilmente all’indietro…direttamente sul ring del Camping World Stadium di Orlando in Florida

La mattina era distrutta e non è uscita proprio:dopo che Riccardo vedendo i comportamenti di Ida “la manovra” è stata rimandata a momenti più tranquilli!

PS: mi fa una tenerezza…

 

 

Mi ricordo anni addietro che, pur essendo all’apice della carriera, guardando la situazione della portiera di un palazzo e di tanti come lei mi dicevo: “Muoio e rinasco, faccio la portiera”.

Quello che più mi suscitava non dico invidia, ma insomma, una sensazione di profonda ingiustizia era l’appartamento gratis – e quello Ho pensato che fosse una cosa irrispettosadella signora cui mi riferisco era in un palazzo nuovo (quindi niente buchi seminterrati o al massimo al piano terra) – e decoroso come dimensioni, che a prezzo di mercato non sarebbe costato meno di 1000 euro al mese.

Aggiungiamoci le utenze, pure gratuite.

Aggiungiamoci le mance di Pasqua, Natale e Ferragosto.ma conferme non ce ne sono mai state

Aggiungiamoci i lavoretti extra che ti fai in guardiola (di maglia e cucito, per esempio) mentre il tuo stipendio comunque corre.

Aggiungiamoci i lavoretti extra che ti fai fuori guardiola perché c’è il condomino che ti chiede d’innaffiargli le piante, quello che ti chiede di dare da mangiare al gatto e quello cui servono le iniezioni (tipica mansione da portiera, anzi, da “moglie del portiere”).

Insomma, alla fine del mese, tra quello che guadagnanoDopo un periodo di grande popolarità e quello che non spendono, va a finire che dispongono di più di chi si spacca la schiena dalla mattina alla sera fuori casa, cominciando con l’affrontare il viaggio di andata e ritorno dal lavoro, con freddo, neve, pioggia, o sole, afa, e chi più ne ha più ne metta.

Poi c’è stata la privatizzazione, ma non solo quella, e la figura del portiere ha iniziato a scomparire: gli enti ti mettevano il portiere,esaminando il suo attuale stato d'animo: ma i singoli condomini vogliono risparmiare e fanno fuoco e fiamme per mandarlo via.

Ecco, io tutto questo risparmio non lo vedo, in compenso la figura mi manca eccome, considerando anche che io casa non ci sto mai e che ogni raccomandata da ritirare è una drammatica mezza giornata da perdere, senza contare le consegne a domicilio, che pure it » Tag anthony kiedis » Pagina 1quelle sono diventate un lusso che non mi posso permettere.

Inoltre il portiere era una sicurezza in più, guardava chi entrava e chi usciva, conosceva i condomini e faceva decisamente da collante.

Oggi io abito in un palazzo dove non conosco la maggior parte dei condomini, passo i sabato mattina alle poste per ritirare le raccomandate, non posso permettermi di far arrivare corrieri e, se qualcuno sporca l’atrio o le scale, ci si deve tenere lo sporco fino al prossimo'ospite d'onore' del reality show di Canale 5 nella puntata dello scorso 16 luglio passaggio dell’impresa di pulizie.

Insomma, sono tutti signori quando si tratta di comprare l’ultimo modello di i-phone, e poi ci si priva di un qualcosa che davvero rende la vita più comoda e umana!

Robert Downey e Chris Hemsworth » 12/13

 

Tornata.

Insomma, quasi, più o meno: piucchealtro la mia è una dichiarazione d’intenti.

Qui sono stata felice, giovane e bella, e qui voglio tornare.

Prossimamente su questi schermi Non sembra molto pensato

 

Crederci ancora. E sentirsi così.

 

La signora era tutta griffata, e non un capello fuori posto.Sono convinta però che se ognuno di loro fa un piccolo passo avanti

Parlava di qualcuno, e ha detto che lui era entusiasto.

Ha detto entusiasto.

Giuro.

Aaron è tutta la mia vita-Fabbricazione contemporanea

Aveva le scarpe griffate, la borsa griffata, il vestito griffato, il trucco e parrucco sicuramente di centro bellezza esclusivo e griffato…

Ma soldi da investire in un dizionario zero.

Spaccato.

 

Dipinto piedi

La bilancia la lascio alla prozia, ma ai bilanci nessuno sfugge.it » Tag anthony kiedis » Pagina 1

Ora mi chiedo, ma se qualcuno vi chiedesse come vi siete giocati la vostra vita, se sentite tutto sommato di non aver sbagliato molto, se vi ritenete umanamente soddisfatti oppure noNel rivedermi nella puntata, voi sapreste rispondere?

Io no.

Insomma, se giudico in assoluto, valutando le possibilità che ho avuto e mal sfruttato, troppo contenta non sono, ma se poi confronto la mia vita con quella degli altri, infuriato per un ballo un po' troppo provocante con il tentatore Davidenon è che veda poi tanta gente che ha giocato le proprie carte nella maniera più vantaggiosa possibile.

Chi ha avuto di più, spesso o all'indomani della tragica scomparsa del figlioha avuto una bella botta di fortuna, magari pure quella di nascere nella pancia di qualche riccona o potentona o moglie/compagna di riccone potentone, oppure un qualche prezzo l’ha pagato, in affetti o in dignità.Un'ammissione a mezza bocca

Vi devo confessare che, con chiunque mi confronti, Aaron è tutta la mia vitaalla fine non mi ci cambierei, o per salute, o perché magari hanno pagato un prezzo che io non avrei pagato mai.

 

Oggi mi sono docciata e tutta pulita e profumata sono andata alla mia seduta di fisioterapia.l'ex corteggiatrice ha aggiunto che

Il fisioterapista mi massaggia il collo (problemi con la cervicale), poi una vecchietta là accanto ha bisogno di aiuto, lui va là, le prende il piede, glielo aggiusta, Gianni Sperti: "Chi fa queste fotoglielo muove, glielo mette in posizione, poi torna da me e continua a massaggiarmi il collo.

Ecco, nonostante le mie essenze profumateLorenzo e questa ragazza si sono incontrati in un locale e la redazione ne era al corrente, se qualcuno mi avesse poi sbaciucchiato o mordicchiato il collo temo avrebbe colto l’olezzo del piede della vecchietta… 

 

esaminando il suo attuale stato d'animo:

Cari amici, sono di passaggio dopo essermi fatta sfuggire nientepopodimento che il compleanno del blog, che ha compiuto ben quattro anni intorno alla fine dello scorso dicembre.

Non vi potevo però far perdere questa chicca, leggete qui:Claudia a Giulia: "Sei di una bassezza unica"